Monday, June 28, 2010

Operazione Cane che Piscia

Carlo ha avviato la sua Operazione Cane che Piscia, che consiste nell'applicazione di un post-it con il logo del cane a un oggetto di mia proprietà che in qualche modo rechi danno alla territorialità (da cui il nome). Al post-it sarà anche apposta una data, entro la quale l'oggetto in questione dovrà essere collocato in sede adeguata, pena dislocazione in cantina, dove i nostri (numerosi) amici scarafaggi potranno sollazzarsi. La cantina è inoltre considerata Terra di Nessuno, e in qualsiasi momento ciò che ivi si trova potrà essere spostato verso la Raccolta Differenziata.

Target: buste con lane e ferri sparse qua e là, pile di libri e fumetti per terra, scarpe abbandonate, mucchi di abiti inermi, etc... etc...

Obiettivi: migliorare la vivibilità della casa, riappropriazione dei propri spazi, sgomberare davanzali per poter aprire le finestre.

Sebbene si possano trovare similitudini con pratiche quali il decluttering, professate in sedi più appropriate come Organize 101, l'Operazione Cane che Piscia è opera d'ingegno originale di Carlo Carossio e si differenzia per la natura intrinsecamente coercitiva dell'azione.

Nonostante caos e polvere non mi creino alcun disagio fisico o psicologico e non avverta la necessità di tutto ciò, ho deciso di collaborare in nome dell'armonia familiare. Ma prima o poi mi vendico.